Trattamenti Patologie Retiniche

patologie retiniche Faletti Dott.ssa Patrizia

Le patologie e i trattamenti per contrastare le patologie che affliggono la retina sono molteplici. Vediamoli qui di seguito.

MACULOPATIA

La Maculopatia è una malattia oculare che colpisce il centro della retina, ovvero la macula, che è deputata alla visione dei dettagli, per cui causa una cecità centrale.

Il paziente si può accorgere dell’inizio della patologia per la mancanza dei dettagli nella visione centrale, per una visione distorta, per una riduzione della vista (soprattutto da vicino) o per la visione di una macchia centrale.

Per monitorare l’evoluzione o la riduzione dell’edema intraretinico, è necessario eseguire un OCT, un esame che ci permette di valutare gli spessori centrali e la presenza di liquido tra gli strati retinici.

Il recupero dipende anche dal grado iniziale di compromissione.

RETINOPATIA DIABETICA

La retinopatia diabetica è una patologia che colpisce pazienti con squilibri glicemici e diabete. Ne sono più colpiti pazienti con diabete insulino dipendente tra i 25 e i 60 anni, soprattutto se con diabete non ben compensato.

Questa tipologia di retinopatia, può essere proliferativa in cui i vasi sono fragili e portano emorragie, oppure non proliferativa, con microaneurismi.

 

INIEZIONI INTRAVITREALI (LUCENTIS, EYLEA)

Nelle patologie in cui si hanno proliferazioni retiniche, si utilizzano farmaci anti-angiogenetici (detti anti VEGF) che bloccano la formazione dei neovasi retinici.

Questi farmaci si iniettano direttamente nel vitreo oculare in sala operatoria, ed è prevista una iniezione ogni 30 giorni per un ciclo di 3 totali.

La situazione pre e post iniezione, verrà monitorata tramite esami diagnostici mirati e valutazione del visus.

 

VITRECTOMIA

La vitrectomia è un intervento che si effettua sulla parte posteriore del bulbo in cui viene asportato il vitreo, una sostanza gelatinosa che si trova tra la faccia posteriore del cristallino e la retina. In alcuni casi può essere associato all’intervento di cataratta, in cui si rimuove il cristallino naturale per sostituirlo con una lente intraoculare artificiale (IOL).

La vitrectomia è indicata nelle seguenti in patologie come ialosi asteroide, schisi scintillante, emovitreo, distacco di retina, foro maculare, membrana epiretinica trazionale, edema retinico trazionale, retinopatia diabetica proliferante complicanze derivanti da altri interventi oculari.

 

MEMBRANA EPIRETINICA O PUCKER MACULARE

Il pucker maculare, è una sottile membrana che si forma nella parte centrale (macula) della superficie retinica.

La situazione retinica sarà valutata mediante visite in midriasi e OCT di controllo.

Il trattamento del pucker maculare è chirurgico mediante vitrectomia in cui si esegue anche un peeling della membrana con rimozione o meno della membrana limitante interna della retina (è lo strato più interno della retina).

 

FORO MACULARE

Si parla di foro maculare quando si forma un vero e proprio foro nella regione maculare della retina. È fondamentale la stadiazione del foro, che si effettua con scansioni periodiche all’ OCT.

Il paziente generalmente si accorge di un calo visivo, di un cambiamento nella visione centrale, di una visione distorta e/o una macchia centrale.

 

TROMBOSI DELLA RETINA

Le trombosi retiniche sono patologie che affliggono la circolazione retinica a livello di vene o arterie. I pazienti più a rischio sono gli ipertesi, cardiopatici, con ipercolesterolemia o sclerosi arteriosa.

Il paziente di norma nota un forte, brusco e immediato calo visivo.

 

DISTACCO DI RETINA

Il distacco di retina avviene quando la retina si distacca dalla sottostante coroide. Il paziente vedrà la comparsa di una tenda, un alone, o flash.

La terapia è scelta a seconda della grandezza e dalla tipologia del distacco. Si può effettuare la fotocoagulazione con Argon Laser, Cerchiaggio o Piombaggio (tecniche ab externo, agiscono sull’esterno del bulbo e sono eseguite in sala operatoria) o vitrectomia, quando la trazione è tale da non poter eseguire i precedenti trattamenti.

La rottura retinica, invece, è meno grave del distacco, e si riesce a riparare con sedute di Argon Laser trattamento.

FALETTI DOTT.SSA PATRIZIA | 68, Corso Re Umberto - 10128 Torino (TO) - Italia | P.I. 05360740012 | Tel. +39 011 675563 | st.oculistico@gmail.com | Informazioni legali | Privacy | Cookie Policy | Sitemap
Powered by  Pagine Gialle  -  SmartSite